Come avere un balcone fiorito anche d’inverno

Inserito: Lunedì, 12 Dicembre 2016 10:39
Scritto da: Arianna
Dimensione del font:

Chi lo dice che solo in primavera è possibile ammirare balconi fioriti e colorati e giocare con creazioni e composizioni d'autore?
Con le piante giuste il tuo balcone può essere fiorito e profumato anche durante l’inverno, basta conoscere quali piane preferire in ogni stagione.
Ecco le 5 piante da fiori che non temono gli inverni freddi, innevati o balconi ombreggiati.


1) Ciclamino

E’ considerato il re dei fiori invernali da balcone. Molto diffusa in Italia, si coltiva principalmente in vaso e la sua fioritura comincia in autunno.  Originaria del bacino del Mediterraneo, di facile coltivazione, non ha bisogno di grandi cure, unica accortezza il terreno, che deve essere sempre umido evitando però i ristagni d’acqua e le correnti d’aria troppo forti. Se la fioritura appare difficoltosa, bisogna aggiungere al terreno del potassio.
A inizio primavera, cioè a fine stagione, i ciclamini rallentano la loro attività vegetativa (che si fermerà totalmente in estate) ma non buttateli via, il ciclamino, essendo una pianta bulbosa, rifiorirà il prossimo autunno!

2) Viola del pensiero

Molto apprezzata nel genere delle piante invernali è “la viola del pensiero”. I suoi colori variano dal bianco al rosa e lilla. Non temono il freddo e sono ideali da mettere sul terrazzo o sul balcone di casa, ma possono anche essere interrate insieme alle piante da giardino. 
Posizionatele all’esterno in un luogo soleggiato per agevolare una buona fioritura. Le viole non sono piante molto esigenti, ma è bene mescolare al terreno del compost fatto in casa, oppure aggiungere all’acqua una piccola quantità di concime per piante da fiore ad ogni annaffiatura.
Gradiscono posizioni ombreggiate e non devono essere troppo bagnate altrimenti rischiano di marcire.


3) Gelsomino invernale

A differenza degli altri fiori da balcone invernali, la fioritura del gelsomino invernale avviene più o meno a partire da gennaio.
Il gelsomino è una pianta longeva, molto resistente e non teme il freddo, tuttavia predilige le posizioni soleggiate. Se posizionato in luogo eccessivamente ombreggiato tende a fiorire poco.
Grazie alla sua velocità di crescita, il gelsomino di San Giuseppe può essere utilizzato come rampicante nei giardini pensili e a copertura di muri e ringhiere e come siepi da giardino


4) Narcisi autunnali

I narcisi sono una pianta bulbosa dai colori vivaci che fioriscono a inizio primavera. Solitamente i narcisi necessitano di almeno 6 ore di luce solare al giorno e di un terreno umido, ma in cui non si verifichi mai un ristagno d’acqua. Questa pianta si interra in autunno perché il bulbo ha bisogno del freddo per sbocciare e fiorire e alla fine della stagione se ben tenuto durante l’inverno, può rifiorire la primavera successiva. I bulbi dei narcisi infatti, possono essere lasciati nella terra per molti anni e fiorire ogni primavera, senza bisogno di essere rimossi e reimpiantati, a differenza dei conosciutissimi tulipani, che vanno rimossi e ripiantati ogni anno. Per agevolare le successive rifioriture tagliate il fiore non appena sfiorito, ma non le foglie. Queste infatti rimarranno verdi per almeno un altro paio di mesi e vanno nutrite con del concime per poter assicurare al bulbo le riserve necessarie alla fioritura dell’anno dopo.

5) Rosa di Natale

La rosa di Natale, una pianta perfetta per un balcone invernale perché fiorisce a dicembre e i suoi fiori bianchi crescono anche in condizioni molto rigide, sotto la neve e con pochissimi raggi di sole. Questa pianta raggiunge la sua massima fioritura proprio nei giorni di Natale, restando poi fiorita fino alla primavera. I fiori inoltre si prestano molto ad essere recisi e messi in acqua, rimangono freschi per molti giorni e sono particolarmente adatti per la realizzazione di centri tavola natalizi.
Per coltivarla all’aperto, in vaso sul balcone o sul terrazzo, è importante posizionarla in una zona ombreggiata, dove non arrivino i raggi diretti del sole.
Ma attenzione: se toccate radici e rizoma, ricordatevi di lavate sempre accuratamente le mani perché contengono sostanze tossiche.

Questo sito e gli strumenti da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici e, previo tuo consenso, di cookie di profilazione.
Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.